Condividi su Facebook | | |

Straordinario quarto posto assoluto per Lorenzo Grani (Maranello Corse) al Colline di Romagna!

COMUNICATO STAMPA

Risultato al di fuori di ogni aspettativa per il 24enne pilota di Maranello: affiancato dall’udinese Denis Piceno sulla propria Peugeot 106 (classe A6 – i due sul palco finale nella foto FotoSport), Grani chiude quarto assoluto e primo fra le auto a due ruote motrici, regalandosi anche la gioia di conquistare una prova speciale. Sfortuna invece per Gianaroli-Grisendi, subito ko per noie meccaniche alla loro Opel Corsa.

Ai piedi del podio con una vetusta Peugeot 106. Capita al Rally Colline di Romagna, prima prova della Coppa Rally di Zona emiliano-romagnola ed a firmarla è il 24enne Lorenzo Grani: il purosangue di Maranello Corse, affiancato per l’occasione dal friulano Denis Piceno, sfodera sette sinfonie rombanti sulle prove speciali della corsa di Savignano sul Rubicone e conquista, appunto, un incredibile quarto posto assoluto. Risultato da urlo, ma non certo sorprendente: le qualità di Grani sono ben note - peraltro chiaramente certificate dai titoli di classe conquistati nel Campionato Italiano WRC 2016 e 2018 - e ad evidenziarle ci pensano le strade romagnole, rese ancor più insidiose dalle mutevoli condizioni meteo.

In una gara che esalta il fattore pilota, Lorenzo Grani infiamma gli animi degli appassionati sin dalla prima prova, chiusa al terzo posto assoluto. Il clou arriva a metà gara, con la vittoria assoluta della quarta frazione cronometrata. A fine giornata, lo score è di uno ‘scratch’ e due terzi posti assoluti, che si riassumono nello strepitoso quarto posto finale, primo tra le vetture a due ruote motrici e di gruppo A (oltreché, ovviamente, di classe A6). Il vincitore morale del Colline di Cesena, insomma, è senza tema di smentita il giovane equipaggio di Maranello Corse.

"Questo quarto assoluto rappresenta il mio miglior risultato in carriera - esulta Lorenzo a fine corsa - e, a renderlo ancor più significativo, aggiungo la prima vittoria di una prova speciale; per noi, però, conta molto il ritmo elevato mantenuto per tutto l'arco della gara, anche per la pressione che ci hanno imposto i nostri rivali diretti di classe A6, ai quali vanno i nostri complimenti per le grandi doti velocistiche. Gara davvero divertente e tesa, nella quale non solo non abbiamo commesso errori di guida, ma abbiamo anche centrato tutte le scelte di assetto e di pneumatici, grazie all'ottimo lavoro corale con il team Julli. La vittoria nella quarta speciale? Stava iniziano a piovere, anche se solo leggermente: quella frazione m'ispirava molto e non ci siamo fatti intimidire dall'umido; alla fine pensavamo di aver fatto un buon tempo, ma non di aver vinto... E' stata una bellissima giornata, per la quale ringrazio Maranello Corse, il team Julli e Denis Piceno, con il quale mi sono trovato ancora una volta molto bene. Quanto vale il risultato di Savignano? Lo metterei alla pari con tutte le vittorie colte in questi anni nell'Italiano WRC. Peraltro, vorrei sottolineare come questo quarto posto assoluto sia maturato proprio nel quinto anniversario della mia prima vittoria di classe (al rally Due Torri, ndr)".

Di tutt’altro tenore, purtroppo, il Colline di Romagna di Davide Gianaroli: l’altro giovane talento di casa Maranello Corse, con Mirco Grisendi sulla Opel Corsa (A6) di famiglia, abbandona dopo due prove a causa di problemi all’idroguida.

FONTE: UFFICIO STAMPA MARANELLO CORSE

  • Letto 348 volte
Torna in alto

Questo sito usa i cookies per migliorare i servizi e l'esperienza dell'utente.

Se decidi di continuare la navigazione considereremo che stai accettando il loro utilizzo. Più info

OK